Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Diogene di Sinope (dettaglio de La scuola degli ateniesi di Raffaello) fu il primo a dire: Sono cittadino del mondo intero!
Diogene di Sinope (dettaglio de La scuola degli ateniesi di Raffaello) fu il primo a dire: Sono cittadino del mondo intero!

La preistoria

La preistoria, sin dal Paleolitico superiore, e in misura maggiore nel Neolitico, conserva ampie tracce di un’organizzazione sociale sostanzialmente egualitaria, pacifica e non gerarchica. Questo modello di società fu definito da Riane Eisler, vera e propria allieva di un’altra grande archeologa quale Marija Gimbutas, con il neologismo gilania - dalle parole greche gynè, "donna" e andros, "uomo" (la lettera l tra i due ha il duplice significato di unione, dal verbo inglese to link, "unire" e dal verbo greco lyein o lyo che significa "sciogliere" o "liberare") – per indicare quella fase storica plurimillenaria (8.000-2500 a.c in rapporto soltanto al neolitico) fondata sull’eguaglianza dei sessi e sulla sostanziale assenza di gerarchia e autorità, di cui si conservano tracce tanto nelle comunità umane del Paleolitico superiore quanto in quelle agricole del Neolitico.

L’antichità (dal 3000 a.c fino al 476 d.c)

  • Nella Grecia antica il filosofo Zenone di Cizio fonda il proprio pensiero (Stoicismo) sulla convinzione che la ragionevolezza potesse guidare gli esseri umani meglio dell’autorità. Più o meno nello stesso periodo Epicuro fonda una scuola di pensiero (Epicureismo) che professava la raggiungibilità della felicità mediante la liberazione dalle passioni e dalle paure (Dio, il dolore, la morte). Ancor prima Antistene di Atene (i Cinici) propose la semplicità della vita animale, il rifiuto dei beni materiali e il distacco dalle convenzioni sociali. Un allievo di di Antistene, Diogene di Sinope, estremizzò il pensiero del maestro ricercando la pienezza della vita in maniera caotica, irrequieta e quasi violenta.
  • Il taoismo cinese formulò pensieri aventi alcune affinità con l’anarchismo. Per esempio Lao Tze sviluppò la filosofia della “non-regola”, sostenendo inoltre che il governante sarebbe stato tanto più perfetto quanto meno avesse governato. Anche Bao Jin Gyan sosteneva che non dovrebbero esistere né signori e né schiavi.
  • Malgrado la sua esistenza non sia pienamente dimostrabile, la figura di Gesù Cristo permise, inizialmente, lo sviluppo di pensieri proto-anarchici cristiani e, successivamente, di quella corrente di pensiero molto particolare dell’ anarchismo definito cristiano.

Il Medio Evo (dal 476 al XV secolo)

  • Agli inizi del Medio Evo si ebbe la comparsa delle prime comunità di monaci o di singoli monaci erranti, i quali non facevano riferimento a nessuna dottrina in particolare (a quei tempi non erano stati ancora scelti i vangeli canonici) che diedero luogo ad organizzazioni interne di tipo paritario. Da notare la figura del monaco stilita, che più di tutti rifiutava ogni artificio della civiltà. Inoltre si sviluppò un pensiero in forte contrasto con il vescovo Agostino, che ruotava intorno alla figura del vescovo Pelagio, il quale riabilitò a pieno la donna e addirittura la libertà sessuale in contrapposizione con i dogmi sesso-fobici e maschilisti di Sant'Agostino. Questi fenomeni umani e comunitari sono la dimostrazione degli aspetti anarchici dei veri insegnamenti di Gesù Cristo [1], poi stravolti con la creazione dei vangeli canonici e di una gerarchia ecclesiastica.
  • Il Medio Evo è da molti considerato come un periodo quasi barbarico e privo di civiltà, in realtà dal X secolo e all'XI secolo si sviluppò una società in cui gli individui ebbero la possibilità di prender parte, seppur in misura limitata, alle decisioni riguardanti la collettività. Questo movimento, strutturatosi intorno ai liberi Comuni, è passato alla storia come il Movimento comunalista.

Il Rinascimento

  • Il Rinascimento è caratterizzato dal diffondersi di movimenti religiosi eretici fortemente ostili all’autorità ecclesiastica. Per esempio il movimento cristiano degli Anabattisti fondava la propria religiosità sulla comunanza dei beni, il rifiuto dello Stato e di ogni istituzione. Nel biennio 1524-25 gruppi di rivoltosi anabattisti, al seguito di Thomas Müntzer, presero parte alla rivolta dei contadini tedeschi, nella convinzione che andare contro i poteri costituiti avrebbe affrettato la venuta del regno di Dio. L’esperimento politico-religioso anabattista fu distrutto da Lutero (ma la Roma Cattolica di certo non disapprovò) e dai Prìncipi nel 1535, con una durissima repressione che sterminò gran parte degli eretici.

Anche Gerrard Winstanley, eretico cristiano inglese del movimento dei Diggers (zappatori), attivo durante la guerra civile inglese, sosteneva la necessità di collettivizzare la terra, poiché questa apparteneva a tutti e nessun uomo poteva elevarsi al di sopra degli altri.

L'epoca moderna

Il primo ad utilizzare il termine “anarchia”, con accezione positiva, fu il barone di Lahontan Louis Armand che elogiò (1703) le comunità dei pellerossa, descritte come anarchiche, in quanto prive di strutture autoritarie. Edmund Burke sostenne, in un suo saggio, la necessità di abolire i governi anche se, successivamente, ritirò le sue precedenti affermazioni definendole satiriche.

Persino Thomas Jefferson, uno dei padri fondatori degli Stati Uniti d’America, avvertì sul pericolo di una società autoritaria e illiberale, dichiarando che sarebbe preferibile una società senza governo, ma ricca di giornali, piuttosto che, viceversa, una società con un governo, ma priva di libertà di stampa.

Durante la Rivoluzione Francese, alcuni rivoluzionari usarono il termine “anarchici” per definire il proprio modo di pensare e d’agire: Jean Varlet scrisse, nel 1794, che la libertà era incompatibile con qualsivoglia governo; Sylvain Marechal denunciò tutte le disuguaglianze tra ricchi e poveri, grandi e piccoli, padroni e schiavi; Theophile Leclerc e Jacques Roux presero posizioni decisamente antiautoritarie.

In questi anni molte donne posero le basi del successivo movimento anarchico vero e proprio, basti pensare a Olympia De Gouges, Mary Wollstonecraft e Flora Tristan.

L’avvento dell'anarchismo

La pubblicazione di Che cos’è la proprietà? (1840) di Pierre Joseph Proudhon è considerato lo spartiacque che segna il passaggio dal "proto-anarchismo" all'anarchismo "moderno". Il pensiero anarchico si sviluppò, successivamente, per merito di personalità quali Michail Bakunin, Errico Malatesta, Joseph Dejacque, Max Stirner e altri.

A dire il vero alcuni ritengono però che lo stesso William Godwin debba essere considerato un pensatore dell’anarchismo classico a tutti gli effetti e non semplicemente un proto-anarchico, tuttavia la maggioranza ritiene che sia proprio l'anarchismo proudhoniano, e in particolare l'opera sopra citata, ad aver segnato la nascita del vero pensiero anarchico.

Note

  1. Trattasi di un opinione personale dell'utente Sytry82
Tag(s) : #storia

Condividi post

Repost 0