Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Paul Feyerabend
Paul Feyerabend

Con anarchismo epistemologico si intende un approccio anarchico all'epistemologia (da episteme - cioè scienza, conoscenza certa - e logos, ovvero discorso) così come definito da Paul Feyerabend nella sua opera principale Against the method (1975) (Contro il metodo, 1979) ed ulteriormente approfondito nelle opere successive.

L’anarchismo epistemologico di Feyerabend

Feyerabend è un filosofo austriaco che soprattutto attraverso il provocatorio Contro il metodo (oltre che anche attraverso altri numerosi testi), propone un anarchismo epistemologico con il quale demolisce il neopositivismo e le teorie di Popper. Feyerabend critica l'approccio dei filosofi della scienza alla conoscenza scientifica, in particolare il falsificazionismo di Karl Popper. La sua frase più famosa sul metodo scientifico è probabilmente anything goes che si potrebbe tradurre con «qualsiasi cosa può andar bene» (come metodologia di approccio alla conoscenza). L’anarchismo epistemologico quindi consiste nella negazione della necessità, della validità e dell’ineluttabilità del metodo della scienza e nell’idea che la scienza per progredire si debba avvalere delle «astuzie della ragione» ( da qui l'idea che «qualsiasi cosa possa andar bene»).

Nei prossimi paragrafi verranno esaminati alcuni aspetti della teoria feyerabendiana.

Teoria scientifica pura e impura

I principi del neopositivismo riguardano soprattutto la distinzione tra enunciati teorici e osservati e il principio di verificabilità. Per i neopositivisti (e in parte pure per Popper) la scienza è un’impresa teorica cognitiva “PURA” ed è caratterizzata dall’osservanza di un principio ritenuto oggettivo, il cosiddetto “Metodo”. Invece per Paul Feyerabend la scienza è una costruzione “IMPURA”, poiché essa è dipendente da fattori storico-culturali, pratico-sociali e ideologici.

Il principio della tenacia

La teoria della falsificazione di Karl Popper dice che una teoria deve essere abbandonata (teoria falsificata) se esiste un solo caso che ne confuta la veridicità. Il suo enunciato è riassumibile dalle parole dello stesso Popper: «Una teoria è scientifica nella misura in cui può essere smentita». Quest’ultima affermazione demarca una netta distinzione tra argomenti scientifici e pseudoscientifici (tra questi ultimi Popper colloca pure il marxismo).

Il principio della tenacia (già presente nel pensiero di Thomas Kuhn, ma solo riferita ai periodi di scienza cosiddetta “normale”) di Paul Feyerabend, contrapposto al falsificazionismo popperiano, suggerisce di mantenere una teoria anche quando alcuni dati non sono con questa in sintonia.

Il principio della proliferazione

Il principio della proliferazione (già presente anche in Karl Popper) indica invece che la scienza non può identificarsi con una sola teoria e un solo metodo, ma progredisce proprio grazie alla discussione tra teorie alternative. Paul Feyerabend arriva a sostenere che non solo la scienza non è in grado di seguire meccanicamente i principi del metodo, ma addirittura trae beneficio dalla sua trasgressione. Un elemento importante del suo pensiero è che il confronto tra diverse teorie non deve portare lo scienziato a scegliere quella compatibile con una “defunta” teoria precedente, perché ciò non la rende né più valida né più vera delle “teorie rivali”.

Teoria della “varianza del significato”

Questa teoria è una critica e un limite alle pretese riduzionistiche-unionistiche dell’epistemologia neopositivista.

Paul Feyerabend respinge ogni distinzione tra enunciazioni teoriche e osservative (tale distinzione è di cruciale importanza nel neopositivismo epistemologico), poiché ritiene queste ultime dipendenti dalle prime (un asserzione può apparire oggettiva ma in realtà è dipendente dalla teoria entro il quale essa è contenuta). In pratica, superando in radicalità l’"incommensurabilità" di Thomas Kuhn (questi era convinto che inizialmente fosse una forma di "fede", a permettere il proseguimento della ricerca poiché in un primo momento un nuovo paradigma scientifico non è così esatto rispetto al precedente), egli sostiene la difficoltà, o addirittura l’impossibilità, di poter confrontare diverse teorie scientifiche in quanto fondate su asserzioni di per sé non comparabili. (Paul Feyerabend supera in radicalità l'incommensurabilità di Thomas Kuhn, perché ritiene pura illusione la nozione di progresso scientifico posta all'interno di un paradigma).

In pratica i dati considerati oggettivi, neutrali ed elementari della scienza, non possono in realtà essere assunti come “oggettivi e universali”, poiché il loro senso è inevitabilmente intrecciato ai diversi quadri teorici entro i quali sono stati enunciati [es. il concetto di massa è ben diverso nella teoria di Newton ("massa classica") rispetto a quella di Einstein ("massa relativistica")].

L’"incommensurabilità" di Feyerabend ("varianza del significato") permetterebbe inoltre di evitare la creazione di criteri standard attraverso i quali valutare la qualità delle teorie scientifiche. Tuttavia l’anarchico austro-americano respinge anche ogni tentativo di catalogare l'incommensurabilità entro una struttura logica ben definita, perché ritiene l’incommensurabilità un fenomeno al di fuori della logica.

Tag(s) : #anarchismo

Condividi post

Repost 0