Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Bandiera bianco-nera spesso associata all'anarco-pacifismo
Bandiera bianco-nera spesso associata all'anarco-pacifismo

L'anarchismo cristiano è una corrente dell'anarchismo molto particolare, fondata sul rifiuto dell'autorità (ecclesiastica o statale), sul rapporto diretto con Dio e sull'egualitarismo.

I precursori dell'anarchismo cristiano

Malgrado la sua esistenza non sia pienamente dimostrabile la figura di Gesù Cristo permise, inizialmente, lo sviluppo di pensieri "proto-anarchici cristiani" e, successivamente, di quella corrente di pensiero molto particolare dell'anarchismo definito cristiano.

Durante il Medio Evo si riscontrano tracce di "proto-anarchismo cristiano" all'interno dei movimenti eretici cristiani come il movimento del libero spirito che professava l’indipendenza dalle autorità ecclesiastiche, il movimento dei "bogomili" (Bulgaria del X secolo) che rifiutavano tutta la realtà materiale e denunciavano tutti i rappresentanti del potere mondano (denunciarono l'opulenza del clero e l'inutilità dei certi riti religiosi), l'insurrezione degli Hussiti della Boemia che si opponevano ai privilegi feudali e della Chiesa cattolica e sono riscontrabili infine in individualità come Riccardo di San Vittore che criticavano la monarchia e i privilegi autoritari.

Il Rinascimento è caratterizzato dal diffondersi di movimenti religiosi eretici fortemente ostili all’autorità ecclesiastica. Per esempio il movimento cristiano degli Anabattisti fondava la propria religiosità sulla comunanza dei beni, il rifiuto dello Stato e di ogni istituzione. Nel biennio 1524-25 gruppi di rivoltosi anabattisti, al seguito di Thomas Muntzer, presero parte alla rivolta dei contadini tedeschi, nella convinzione che andare contro i poteri costituiti avrebbe affrettato la venuta del regno di Dio. L’esperimento politico-religioso anabattista fu annientato da Lutero (la "Roma Cattolica" di certo non disapprovò tale azioni) e dai Prìncipi nel 1535, con una durissima repressione che sterminò gran parte degli eretici. Anche Gerrard Winstanley, eretico cristiano inglese del movimento dei Diggers ("zappatori"), attivo durante la guerra civile inglese, sosteneva la necessità di collettivizzare la terra, poiché questa apparteneva a tutti e nessun uomo poteva elevarsi al di sopra degli altri.

Anarchismo cristiano

Senza parlare dei tentativi del passato, la distruzione del regime capitalista, la socializzazione dei mezzi di produzione, e l’aumento di un nuovo ordinamento economico, la rivoluzione insomma che i socialisti ci annunziano come prossima si compierà pure, ci dicono, colla violenza organizzata; e, sempre secondo essi dicono, colla violenza converrà mantenere le nuove forme sociali. [1]

La corrente anarchica vera e propria denominata "Anarchismo cristiano" o "anarchismo religioso" si diffuse in Russia verso la fine dell’ottocento e faceva capo allo scrittore Lev Tolstoj.

Lev Tolstoj nacque a Jasnaja Poljana, in Tula nel 1828 e morì, dopo un’intera vita dedicata alla letteratura, ad Astapovo, nel Riazan nel 1910.

Egli non ammise mai di essere anarchico, perché riservava questo nome a coloro che, volevano trasformare la società con mezzi violenti, ma le sue idee senza esitazione possono essere definite anarchiche. Del resto gli scritti e i romanzi dei suoi ultimi trent’anni non lasciano dubbi sulla loro natura. Espose la sua dottrina anarchica in numerosi scritti d’occasione e in articoli sparsi, pubblicati svariate volte ed editi in numerose lingue, fra tutti si possono ricordare, Il regno di Dio è in voi, La mia religione e La guerra e il servizio militare obbligatorio.

L’anarchismo tolstojano, come il suo cristianesimo razionale, fu il risultato di esperienze sempre maggiori, dalla militanza nell’esercito fino al contatto con i popoli primitivi del Caucaso. In tutti i suoi romanzi ricorre il tema e il desiderio dell’universale fratellanza umana e dell’esaltazione di ogni tipo di vita del contadino, semplice ed a contatto con la natura.

Il suo anarchismo è un aspetto esterno del Cristianesimo, l’assenza di conflitto fra questi due aspetti è dovuta al fatto che la sua è una religione senza fede, infatti, fonda le sue convinzioni sulla ragione e non sui dogmi o sul potere religioso terreno. Per lui Cristoè un maestro non l’incarnazione di Dio, rende in questo modo la religione “umanizzata”, e continua sostenendo, che il regno di Dio bisogna cercarlo non fuori di noi, ma dentro di noi stessi.

Tolstoj, inoltre, concorda con l’Anarchismo classico circa l’illogicità e la dannosità del potere, ma ritiene che l’unico modo per liberarsi del potere umano consiste nell’accettare la legge divina, perché solamente questa è comune a tutti gli uomini e dunque veramente universale e pacificatrice.

Perché soltanto la religione cristiana, come da lui intesa, produce la completa libertà ed uguaglianza di tutti gli uomini. Perché tutti gli uomini sanno che le leggi sono false ed ingiuste, però ubbidiscono ugualmente, quindi bisogna spingere l’uomo ad uscire da questa incoerenza e liberarsi cercando di pervenire ad un nuovo ordine retto soltanto dalla ragione.

Il suo pensiero libertario, addirittura sotto alcuni aspetti è molto più radicale di quello tradizionale, dal momento che il rifiuto di obbedire all’autorità investe ogni comando umano. Di conseguenza la concezione anarchica tolstojana poggia sul rifiuto della proprietà privata e dello Stato.

La prima viene respinta perché è oppressiva, perché chi è proprietario predomina su chi non lo è, ed inoltre, essa si perpetua con la violenza e con la forza. Lo Stato invece, va respinto poiché significa violenza, e la sua esistenza, che si fonda sul concetto di potere e gerarchia, è contraddittoria nei confronti della predicazione pacifica del cristianesimo, che nel suo vero significato distrugge lo Stato, infatti, per questo motivo che Gesù Cristo fu crocifisso. Lo Stato ostacola la libertà dell’individuo, lo inganna, lo sfrutta e soprattutto infierisce su di lui, avvalendosi delle prigioni, delle esecuzioni e del servizio militare coattivo.

In Russia, il desiderio di un ritorno al cristianesimo delle origini, antiautoritario e non-violento, portò alla nascita di numerose comunità tolstojane e alla pubblicazione del primo manifesto dell’anarchismo mistico, redatto a Mosca dal poeta anarchico Georges Tchoulkov nel 1906.

Simbolismo anarco-cristiano

I cristiani anarchici, oltre alla bandiera rosso-nera con croce (vedi immagine in testa all'articolo), utilizzano diverse versioni della A cerchiata: una è quella con una croce dentro lo spazio interno alla A stessa, di modo che combini il cristianesimo con l'idea anarchica; un'altra invece è l'utilizzo della A (che indica sia l'anarchia che l'ALFA) posta all'interno della lettera omega (Ω).

Quest'ultima simbologia si basa sul fatto che alfa e omega, cioè l'inizio e la fine dell'alfabeto greco (AΩ) sono anche il simbolo di Dio.

La Chiesa cristiana delle origini utilizzò spesso il simbolo della alfa e dell'omega affianco o incisi sugli utensili religiosi. Oggi, alcuni movimenti cristiani come i Jesus Freaks stanno riutilizzando usando questo simbolo.

Talvolta gli anarchici-cristiani utilizzano anche la bandiera bianco-nera, simbolo dell'anarcopacifismo, come rappresentativa dei loro ideali.

Note

  1. Il capitolo "Anarchismo cristiano" è stato quasi totalmente estratto da La fiaccola dell'anarchia di Giuseppe Scaliati
  2. Scheda libro "Anarchia e cristianesimo"
  3. Scheda libro "Scritti Anarcocristiani"
Tag(s) : #anarchismo

Condividi post

Repost 0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti: